In questi giorni ho sentito di tanti metodi fantasiosi su come tracciare le visite al proprio sito, così ho deciso di mettere un po’ di ordine.

Perché tracciare le visite?

I casi sono tanti: ad esempio, una inserzione su facebook con un link al sito per tenere una traccia precisa delle visite generate, un link all’interno di una newsletter, ecc. Cosa sono gli UTM? Gli UTM (Urchin Tracking Module), sono dei parametri passati assieme alla url contenenti una successione di campi e valori.

Gli UTM si inseriscono subito dopo la url da cui vengono separati dal simbolo ?; ogni parametro viene separato dall’altro dal simbolo &. Per cui la url finale sarà http://www.nwac.it?campo1=valore1&campo2=valore2

Gli UTM sono 5, ma non è obbligatorio usarli tutti.

GLI UTM

Vediamo quali sono e come utilizzarli.

Sorgente (utm_source) È un parametro obbligatorio, indica la provenienza della visita. Se lo usiamo in una newsletter, potremmo utilizzate “newsletter” come valore. https://www.gvrusso.it?utm_source=newsletter

Mezzo (utm_medium) Indica proprio il mezzo usato nella campagna, nel caso della newsletter potrebbe essere “email”. Anche questo parametro è necessario. https://www.gvrusso.it?utm_source=newsletter&utm_medium=email

Termine (utm_term) indica la parola chiave che ha portato al click sull’annuncio, usato soprattutto nelle campagne SEM non adwords. Praticamente mai usato. https://www.gvrusso.it?utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_term=fotografo

Contenuto (utm_content) Opzionale, serve per identificare il contenuto. Utile, ad esempio, se fai a/b testing per identificare da quale creatività arriva. https://www.gvrusso.it?utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_term=fotografo&utm_content=postconfrasepoetica

(utm_campaign) Parametro obbligatorio ed importantissimo, serve ad identificare la campagna. https://www.gvrusso.it?utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_term=fotografo&utm_content=postconfrasepoetica&utm_campaign=pesaro

Per semplificarci la vita, san Google ci ha messo a disposizione uno strumento di creazione delle url con gli utm: https://ga-dev-tools.appspot.com/campaign-url-builder/

Un ultimo appunto sul come utilizzare in modo semplice gli UTM nelle inserzioni su Facebook (vedi immagine sopra). Nel campo “parametri url” vanno inseriti tutti i parametri utilizzati dopo il ? (che va omesso). Quindi, in quella casella, inserirò: utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_term=fotografo&utm_content=postconfrasepoetica&utm_campaign=pesaro

Contattami

Se sei qui probabilmente hai  difficoltà nel trovare la strategia di webmarketing giusta.

Che tu abbia bisogno del sito web o di trovare il modo giusto per porti sui social, contattami, discuteremo suoi tuoi bisogni e della strategia più adatta alla tua azienda.

Siccome non esiste una strategia uguale per tutti (hai già sentito il contrario, eh?), ho bisogno di sapere di più sulla tua azienda e i tuoi prodotti.

Senza impegno, naturalmente 🙂

AUTHOR: Gianni Russo
No Comments

Leave a Comment

Your email address will not be published.